Dirigenti PA in pensione d'ufficio a 62 anni

La Commissione Affari Costituzionali della Camera ha approvato un emendamento che, se in possesso dei requisiti contributivi (42 e 6 per gli uomini e 41 e 6 per le donne nel 2014), obbliga i Dirigenti della PA al pensionamento raggiunti i 62 anni, fatta esclusione dei medici e professori universitari (65) e dei magistrati (70). Dall’altro lato interviene sulle penalizzazioni della riforma Fornero ai 62 anni: chi lascerà il lavoro prima (ovviamente raggiunto il requisito contributivo) non sarà penalizzato fino al 2017.

Tags: