Venerdì, 16 Dicembre, 2011 - 07:17
Il testo del decreto legge Monti nella sua veste definitiva. Le pensioni all'art. 24.

Altri articoli:

Lunedì, 5 Dicembre, 2011 - 12:57

La "cura" Monti in sintesi dal 1° gennaio 2012 per i lavoratori pubblici:

- sistema contributivo pro-rata per tutti (quindi nessun temuto effetto retroattivo);

- abolito il sistema delle quote (rimane solo per i cosiddetti lavori usuranti, però la quota sale a 97): l'unica pensione d'anzianità che rimane è quella con 41 anni + un mese per le donne e 42 + un mese per gli uomini (spariscono però le finestre mobili che allontanavano di fatto di un anno le uscite, quindi i 40 anni erano già di fatto 41, pertanto per le donne non cambia nulla nell'immediato, da questo punto di vista);

- si potrà accedere però ai trattamenti anticipati (anzianità) con una penalizzazione del 3% sulla parte retributiva, per ogni anno mancante ai 63 anni (per le frazioni d'anno si calcola in proporzione);

- pensione di vecchiaia con almeno 66 anni, che diventano 67 dal 2018;

- sono fatti salvi coloro che raggiungono il diritto a pensione entro il 31/12/2011, che potranno avvalersi della precedente normativa.

Pagine