Martedì, 30 Agosto, 2011 - 08:45

Fuori dal computo per il calcolo dell'uscita con i 40 anni d'anzianità i riscatti di laurea e del servizio militare, che continuano a valere però per calcolare l'assegno. Questa la proposta d'emendamento uscita da Arcore ieri sera e che dovrebbe essere inserita nel disegno di modifica alla manovra attualmente ferma in commissione bilancio. Resta da verificare però la sostenibilità giuridica di un intervento a "gamba tesa" che va a modificare le carte in tavola  a chi ha, di fatto, ricevuto una "proposta" di riscatto (nella maggior parte dei casi pagato profumatamente) a determinate condizioni e le ha accettate firmando in pratica un contratto. E' evidente che chi ha scelto di riscattare lo ha fatto pensando non solo di incrementare l'assegno di quiescenza, ma anche e soprattutto raggiungere prima i requisiti di legge per ottenerlo; il provvedimento a cui sta pensando il Governo si configura pertanto come moralmente scorretto e, a nostro avviso, giuridicamente non sostenibile.


Altri articoli:

Mercoledì, 27 Luglio, 2011 - 07:02

Tema sempre caldo, quello delle pensioni nel nostro Paese; comprensibile quindi che i nostri politici siano molto attenti ai risparmi che si possono effettuare agendo sulla leva di liquidazioni e pensioni. Molto meno comprensibile è invece che non riservino le stesse attenzioni ai trattamenti da loro stessi percepiti, che sono in assoluto i più alti della UE.

Una sintesi: INDENNITA' PARLAMENTARE 11.703,64 + DIARIA 3.503,11 (a cui detrarre 206,58 per ogni giorno d'assenza durante le sedute con votazione elettronica) + RIMBORSO SPESE 3.690.

A queste cifre vanno aggiunti i TRASPORTI e VIAGGI, che sono  GRATIS su autostrade, ferrovie, navi e aerei, oltre a 3.323,70 trimestrali per chi risiede fino a 100 km dal più vicino aeroporto e 3.995,10 oltre i 100 km, l'ASSISTENZA SANITARIA (secondo un completissimo tariffario) e 3.098,74 annui per le spese telefoniche.

 

LIQUIDAZIONE: queste voci generano un ASSEGNO di FINE MANDATO pari all'80% dell'importo mensile lordo dell'indennità, moltiplicata per ogni anno effettivo, che tradotto significano 47.000 dopo 5 anni e 140.400 dopo 15.

 

PENSIONE: l'assegno vitalizio sfiora i 2.500 mensili dopo una sola legislatura (a 65 anni), mentre i colleghi tedeschi percepiscono 7.600 per cinque mesi  e 961 euro  mensili a 67 anni, i francesi 780 euro a 60 anni, gli inglesi tra i 530 e i 794 euro (con metodo contributivo).

 

Quanto sopra sintetizzato colloca il costo della "politica" italiana intorno a 1 miliardo l'anno. (fonte: elaborazione del Sole24ore su dati di Camera.it)

Pagine