Risoluzione unilaterale anche con meno di 62 anni

La norma era sostanzialmente già contenuta nella Legge di stabilità, che eliminando le penalizzazioni per chi va in pensione con meno di 62 anni (almeno fino a tutto il 2017 poi, in assenza di ulteriori interventi legislativi, le penalizzazioni saranno pienamente operative) aveva di fatto reso possibile il recesso unilaterale anche con meno dei fatidici 62. Ma la Circolare 2 - 19 febbraio 2015 della Funzione Pubblica lo aveva "dimenticato" . Ora la stessa FP corregge la svista: prendendo atto della legge 190/2014 precisa che la risoluzione unilaterale negli anni 2015, 2016 e 2017 è consentita nei confronti di quei soggetti che maturino il diritto a pensione anticipata (nel 2015 42 e 6 per gli uomini e 41 e 6 per le donne, che passeranno rispettivamente a 42 e 10 e 41 e 10 nel 2016, per effetto dell'aumento di speranza di vita).

E' opportuno precisare che per applicare la norma della risoluzione unilaterale, il datore di lavoro deve motivare la decisione con riferimento alle esigenze organizzative, ai criteri di scelta ed alla funzionalità dei servizi, nonchè rispettare il termine di preavviso di 6 mesi.